Comelz presenta al Simac un software per il calcolo dei consumiMatteo Pasca, direttore della scuola ARSUTORIA fa chiarezza con un tecnico di Comelz sui vantaggi di Caligola ST-Plus

Feb 02, 2018
Posted in: , News

 

La prima cosa che ho pensato è stata “cosa può esserci di nuovo in un software di calcolo dei consumi?”.
Da anni infatti esistono software che automatizzano i diversi metodi che i modellisti usano a mano (come il metodo dell’elastico o quello del parallelogrammo) e questi strumenti sono presenti in tutti i CAD per il settore della calzatura.
Ho dunque chiesto a COMELZ di spiegarmi in cosa questo prodotto fosse differente e migliore rispetto a cad-caligola4quanto già disponibile sul mercato. Non ne ho parlato con il marketing ma direttamente con uno dei tecnici cioè uno di quei professionisti che ogni giorno si trova presso i clienti a confrontarsi con la realtà dell’industria.
La differenza tra Caligola ST-Plus e gli altri software sta nell’accuratezza del calcolo del consumo che a sua volta è determinata da tre elementi fondamentali:
1. la precisione dei modelli sviluppati nelle diverse taglie: i pezzi possono provenire dal CAD Caligola di COMELZ o possono essere importati in formato DXF dopo essere stati realizzati da un differente CAD
2. la conoscenza del materiale: nel caso della pelle è evidente la sinergia con i tavoli ESA NEK di esa-nek-digitalizzatore-pelliCOMELZ che permettono la digitalizzazione della geometria – forma e dimensione – di ogni singola pelle e delle sue caratteristiche (es. difetti ed aree di taglio). Acquisendo in Caligola ST-Plus le caratteristiche del materiale è quindi possibile raffinare la stima del consumo. Non è però necessario acquisire tutte le pelli che dovranno essere tagliate (anche è se è possibile farlo): basterà creare un campione di 4 o 5 pelli per migliorare il risultato del calcolo
3. le logiche di piazzamento (nesting) e la modalità di taglio: in questo campo COMELZ mette a frutto il patrimonio di esperienza che le deriva dalle migliaia di isole di taglio presenti nelle aziende di tutto il mondo. Sono tanti i criteri che vengono seguiti in fabbrica quando si taglia: l’ottimizzazione della raccolta, l’abbinamento delle parti della calzatura con le aree del materiale, la direzione di taglio, ecc. Come si faceva un tempo nei calzaturifici, la stima dei consumi fatta dal modellista viene validata dal “calcolo della resa” fatto dal tagliatore. Allo stesso modo Caligola ST-Plus determina un piazzamento reale dei pezzi sul campione dei materiali e simula il modo in cui i pezzi verranno tagliati

Comelz S.p.A. https://www.comelz.com/

Fondata nel 1943, Comelz fu una delle prime aziende ad interpretare le esigenze di un mercato calzaturiero e pellettiero nazionale allora in […]

Potrebbe interessarti anche
Apego conquista il Silver Recognition Level EcoVadis

Apego conquista il Silver Recognition Level EcoVadis

L’azienda, leader nella progettazione e realizzazione di stampi per calzature, ha aderito a un processo di monitoraggio delle proprie performance ambientali e sociali ottenendo una valutazione di RSI (Responsabilità Sociale d’Impresa).

Un approccio integrato per calzature più sostenibili

Un approccio integrato per calzature più sostenibili

Le tendenze globali esercitano un impatto sull’industria della moda, compreso il settore calzaturiero, e devono essere integrate nello sviluppo di nuovi prodotti. Il mercato è in cambiamento, così come le preferenze e il comportamento dei consumatori. Il cliente al giorno d’oggi ha accesso a una gran quantità di informazioni, è più esigente e cerca moda, varietÀ, comfort e beni di consumo sostenibili

Annie Gestroemi al White con Ramponi

Annie Gestroemi al White con Ramponi

Vincitrice della decima edizione del Premio Ramponi, promosso per valorizzare e dare visibilità ai giovani talenti del mondo della moda, la designer Annie M. Fabbioni ha debuttato al White con la nuova collezione Annie Gestroemi.