I piani strategici della pelle brasilianaCertificazioni e collaborazioni internazionali, sostenibilità e un importantissimo progetto per l’edizione 2019 di Design na Pele, insieme a un’azienda italiana. Ecco alcuni dei punti toccati nell’intervista con Rafael Andrade di CICB.

Set 20, 2018
Posted in: , Associazioni
Rafael Andrade
Rafael Andrade

Rafael Andrade – International Strategy, Design, e Planning Consultant di CICB, DNP e CSCB ci spiega come si sta evolvendo e qual è la visione futura del mondo della pelle brasiliano.

Negli ultimi anni abbiamo seguito le partnership internazionali istituite dalle industrie conciarie brasiliane nei campi del design e della sostenibilità. Quali sono gli obiettivi degli accordi di questa natura?
“A partire dal 2012 e sotto la direzione dell’attuale presidente esecutivo del Centro per l’Industria Conciaria Brasiliana (CICB), Sig. José Fernando Bello, il settore conciario del Brasile ha continuato a cercare nuovi metodi per migliorare i suoi processi. Design e sostenibilità sono due dei pilastri della strategia del CICB con le sue concerie. Crediamo che le iniziative di collaborazione siano estremamente vantaggiose ed essenziali nell’attuale scenario globale – un mondo che si sta costantemente reinventando – per produrre un impatto positivo in tutte le sfere d’azione: dalle concerie alle comunità in cui sono inserite, fino alle collaborazioni internazionali. Attraverso le partnership internazionali stiamo creando opportunità per sfruttare al meglio nuovi sviluppi commerciali, e per posizionare la pelle brasiliana in mercati per noi preziosi. Detto ciò, stiamo anche cercando di creare una filiera più robusta e innovativa, incentrata sul design e sulla sostenibilità”.

couro-do-brasil_lowQuali partnership si sono già formate?
“É importante evidenziare che le partnership internazionali sono il risultato di rilevanti investimenti del settore per migliorare i suoi processi e conformarsi ai requisiti internazionali di sostenibilità, col fondamentale sostegno dell’Agenzia Brasiliana di promozione dell’esportazione e degli investimenti (Apex-Brasil). Nell’ambito di questo campo specifico, a marzo 2018 (dopo un anno di negoziazioni e adeguate verifiche), il Brasile ha firmato con l’Italia un accordo di cooperazione e riconoscimento reciproco delle rispettive certificazioni nazionali di sostenibilità per il settore conciario. Questo accordo è sostenuto dalle rispettive associazioni nazionali: il CICB e l’Unione Nazionale Industria Conciaria (UNIC). L’accordo tra l’Istituto di Certificazione della Qualità per l’Industria Conciaria (ICEC) e la Certificazione di Sostenibilità della Pelle Brasiliana (CSCB), intende affrontare i fondamenti e i problemi di sostenibilità da un punto di vista più ampio, per promuovere pratiche migliori e rafforzare le nostre certificazioni a livello internazionale”.

E cosa si può dire a proposito delle partnership nel campo del design?
“Nel campo del design, il CICB ha promosso il progetto Design na Pele (DNP), arrivato al suo quinto anno. Dalla sua prima edizione del 2013, DNP ha l’obiettivo di unificare arte, pelle e moda, facendo convergere settori analoghi ma a volte distanti su prodotti che un giorno diverranno veri e propri oggetti di desiderio in tutto il mondo, tramite una serie di mostre ottimamente curate in diverse fiere ed eventi commerciali”.

Cosa ci possiamo attendere nel prossimo futuro?

“La prossima edizione di DNP sta concludendo un’inedita partnership con una fabbrica – che è anche rivenditore di arredi in pelle – tra le più importanti d’Italia, che porterà le nostre creazioni in tutto il mondo. Questa collezione sarà lanciata a gennaio 2019. I nomi dei designer, delle concerie e del partner italiano saranno rivelati alla fine di quest’anno”.

nova-kaeru-pvny-sample_lowCome le concerie brasiliane hanno recepito le iniziative proposte?
“Le partnership aumentano la consapevolezza delle nostre concerie. Partendo dai processi di design thinking implicati da ogni dettaglio e da ogni partnership, e fino a una visione a 360 gradi della sostenibilità, questo nuovo approccio ai prodotti in pelle viene visto in modo piuttosto positivo da parte delle concerie. Si tratta della validazione di un settore proattivo, innovativo e responsabile che si impegna in azioni concrete di trasformazione in tutto il mondo, di cui tutti beneficeranno direttamente”.

Il design e la sostenibilità sono stati al centro dell’attenzione nel lavoro sviluppato dall’industria conciaria del Brasile. Vi sono altri fronti su cui il settore sta pianificando di intervenire?
“Stiamo attualmente sviluppando partnership nazionali con settori dell’allevamento in Brasile per migliorare la qualità delle pelli, il benessere degli animali e la tracciabilità. E anche con alcune ONG internazionali come la National Wildlife Federation (NWF) di Washington DC e la The Nature Conservancy (TNC), tra le altre. Attraverso collaborazioni che coinvolgono la comunità scientifica, le università, e società e fondazioni internazionali, la Pelle (che è un importante sottoprodotto del settore della carne bovina nel mondo) ha acquisito grande rilevanza nell’ambito del lavoro sviluppato dalle ONG. In particolare, NWF sta coordinando una collaborazione con il CICB, per affrontare questioni chiave che possano garantire un futuro sostenibile per il settore conciario. Questi progetti sono al momento in fase di pianificazione relativamente a specifici punti di contatto, direttive sulle performance e obiettivi di miglioramenti nelle trasformazioni”.

CICB – Centre for the Brazilian Tanning Industry http://www.cicb.org.br/

The Centre for the Brazilian Tanning Industry (CICB) has been working as the official representative body of all Brazilian tanners […]

Potrebbe interessarti anche
Si è chiuso il progetto “Shake the Future of the Footwear sector”

Si è chiuso il progetto “Shake the Future of the Footwear sector”

Il Talent Shoe 2018: under 25 da tutta Europa premiati per la loro creatività. Così il settore calzaturiero raccoglie idee dalle giovani generazioni sulle scarpe e sulle fabbriche di calzature del futuro.

“La sostenibilità è per noi un modo di lavorare”

“La sostenibilità è per noi un modo di lavorare”

L’anno passato si è chiuso con numeri positivi per i conciatori italiani ma il contesto mondiale è ancora debole e instabile. Il presidente Gianni Russo ricorda che il settore investe ogni anno il 4% del proprio fatturato in progetti sostenibili: un impegno oneroso di cui essere orgogliosi ma che va comunicato meglio.

Assemblea UNIC 2018 “La sostenibilità è per noi un modo di lavorare”

Assemblea UNIC 2018 “La sostenibilità è per noi un modo di lavorare”

L’anno passato si è chiuso con numeri positivi per i conciatori italiani ma il contesto mondiale è ancora debole e instabile. Il presidente Gianni Russo ricorda che il settore investe ogni anno il 4% del proprio fatturato in progetti sostenibili: un impegno oneroso di cui essere orgogliosi ma che va comunicato meglio.