La nuova casa di Confindustria ModaTaglio del nastro per la nuova sede di Confindustria Moda, ieri, 15 maggio a Milano con Vincenzo Boccia e Claudio Marenzi: l'edificio che fu la casa-laboratorio di Nicky Chini riunisce sotto un unico tetto tutte le associazioni del settore (Aimpes, Aip, Anfao, Assocalzaturifici e Federorafi, con la sola eccezione di Unic), le rispettive società di servizi e le fiere collegate, oltre agli uffici della federazione stessa.

Mag 16, 2018
Posted in: , News

Una sede prestigiosa a pochi passi dall’Arco della Pace, realizzata in tempi record per dare una casa al nuovo ente che raggruppa tutte le realtà del tessile, moda e accessori italiano, e che rappresenta un settore che con le confindustria-modasue 66mila imprese, 580mila addetti e 90 miliardi di euro di fatturato è secondo soltanto alla meccanica, in Italia.
“E’ un momento storico per il Made in Italy, – ha commentato Claudio Marenzi, presidente di Confindustria Moda – un momento di condivisione che dimostra come questo grande settore manifatturiero italiano possa lavorare in comune accordo, per avere un maggiore peso in seno a Confindustria, e presso le sedi istituzionali”.
L’inaugurazione è solo l’ultimo passo di un progetto avviato nel 2005 con la costituzione di Federazione Sistema Moda Italia e FIAMP Federazione Italiana Accessorio Moda Persona, oggi sciolta per dare spazio alla nuova entità. L’obiettivo era creare un nuovo ente che diventasse punto di riferimento del settore tessile, moda e accessori, l’unica voce politica del settore presso le sedi istituzionali: ci vorranno altri 12 anni perché questo obiettivo si realizzi con la nascita di Confindustria Moda. E finalmente oggi, ad un anno da quella data, si inaugura a Milano la nuova sede.
Plaude al raggiungimento di questo obiettivo anche Vincenzo Boccia, Presidente di Confindustria che, al taglio del nastro afferma: “Confindustria moda è la più sexy del sistema manifatturiero italiano, rappresenta assieme al food, un certo modo di essere italiano. Ma è anche un modello associativo che da cui potremo articolare una certa idea del nostro paese: il grande tessuto manifatturiero del sistema moda Italia rappresenta gli interessi e la dimensione industriale del nostro paese”.
Le aree di attività principali che Confindustria Moda svolgerà dalla nuova sede sono quelle relative all’area legale, con specifico interesse nella lotta alla contraffazione e la tutela della proprietà intellettuale, l’area sindacale con le attività di lobby presso Confidustria e le istituzioni, ma anche nelle trattative per i CCNL. Infine, il Centro Studi, con l’ambizione che diventi il punto di riferimento unico per le analisi di settore.

Potrebbe interessarti anche
Un approccio integrato per calzature più sostenibili

Un approccio integrato per calzature più sostenibili

Le tendenze globali esercitano un impatto sull’industria della moda, compreso il settore calzaturiero, e devono essere integrate nello sviluppo di nuovi prodotti. Il mercato è in cambiamento, così come le preferenze e il comportamento dei consumatori. Il cliente al giorno d’oggi ha accesso a una gran quantità di informazioni, è più esigente e cerca moda, varietÀ, comfort e beni di consumo sostenibili

Annie Gestroemi al White con Ramponi

Annie Gestroemi al White con Ramponi

Vincitrice della decima edizione del Premio Ramponi, promosso per valorizzare e dare visibilità ai giovani talenti del mondo della moda, la designer Annie M. Fabbioni ha debuttato al White con la nuova collezione Annie Gestroemi.

Copenhagen Fashion Summit 2018 – “Dalle parole ai fatti” è il tema dell’edizione di quest’anno

Copenhagen Fashion Summit 2018 – “Dalle parole ai fatti” è il tema dell’edizione di quest’anno

Al più importante convegno mondiale nell’ambito della moda sostenibile, presentato il bilancio sui progressi fatti e una road map sulle azioni da intraprendere per cambiare i modelli di riferimento nel fashion. La necessità da parte delle imprese del settore di supportare e accelerare il cambiamento è ormai impellente