La qualità che porta in alto la bellezza: Tacchificio Villa CorteseMoltissime le innovazioni e le iniziative messe in campo Moltissime le innovazioni e le iniziative messe in campo dal tacchificio lombardo, ottimo partner per le migliori firme della moda tacchificio lombardo, ottimo partner per le migliori firme della moda.

Set 20, 2018

“Le nostre azioni quotidiane traggono linfa da radici ancorate nel terreno di una storia di ingegno, sacrificio, lungimiranza”. Questi i valori alla base di un’avventura imprenditoriale che dura da 60 anni.

Silvia Paganini, sales and marketing manager
Silvia Paganini,
sales and marketing manager

Una dichiarazione d’intenti in cui convivono perfettamente tradizione e innovazione, specchio attendibile di ciò che oggi il Tacchificio Villa Cortese (TVC) rappresenta.

L’attuale passaggio generazionale, in cui è coinvolta l’azienda lombarda, è stato gestito con acume e coraggio, e ha prodotto evoluzione e innovazione. Quasi non si contano le iniziative intraprese, a partire dal rinnovamento dell’immagine aziendale e dell’organizzazione interna. Ce ne parla Silvia Paganini, responsabile commerciale e marketing.

A ottobre 2018 apriremo un ufficio tecnico in Toscana, una vera e propria modelleria presso lo show room B2B Showmates in cui TVC è già presente dal 2017. In un unico ambiente i designer avranno a disposizione pellami e forme, e potranno disegnare il loro tacco grazie al supporto di un tecnico TVC sempre a disposizione e pronto a realizzare prototipi in stampa 3D. L’idea è quella di fornire al territorio un servizio molto rapido rispetto all’intera fase di progettazione. 

28872566_2037092876306432_6564040634296051499_n-2È l’unica novità in cantiere?
“No, a ottobre entrerà in funzione anche l’impianto produttivo per la laccatura e le lavorazioni superficiali speciali sugli articoli TVC. Iniziativa che garantirà ai nostri clienti un ulteriore miglioramento del livello qualitativo del tacco finito, oltre a tempistiche ancor più rapide e certe. Il nostro principale obbiettivo rimane quello di seguire l’intero ciclo produttivo, dal disegno al tacco finito, controllando ogni passaggio della filiera. Oggi lo possiamo fare grazie alla ramificazione aziendale che abbiamo attuato in questi anni, a partire dall’apertura di Teknostampi del 2010”. →

_mg_4927Molte aziende del settore hanno beneficiato dei vantaggi di Industria 4.0. Voi come vi siete mossi in tal senso?
“Abbiamo scelto di investire in un progetto globale e non in iniziative spot per affrontare le sfide del 4.0.  Abbiamo inserito la robotica all’interno dei processi produttivi, così da assicurare una standardizzazione della qualità anche riguardo le produzioni più complesse, come quella del tacco a spillo con spinotto in acciaio.
Ma l’innovazione non si ferma qui, visto che entro fine anno vogliamo dotarci di un reparto Ricerca & Sviluppo interno. Stiamo approntando il processo in collaborazione con il MUSAM-Lab dell’IMT School for Advanced Studies di Lucca con l’obiettivo di valorizzare e implementare il know-how per migliorare la produzione indagando, con approccio scientifico, soluzioni alternative a materiali e processi”.

Moltissime iniziative da gestire… 
“Abbiamo in mente un punto d’arrivo: divenire una PMI Innovativa (cioè, secondo il Ministero dello Sviluppo Economico, un’impresa che opera nel campo dell’innovazione tecnologica, n.d.r.)”.

_mg_4906Un passo indietro. Lo storico reparto legno?
“Abbiamo ripensato anche quello. Il legno è tornato in auge anche per le grandi produzioni, grazie al suo costo ridotto (non servono stampi), alla versatilità del materiale e alla sua sostenibilità.  Abbiamo sostituito le 15 macchine tradizionalmente utilizzate per realizzare un tacco in legno con un unico centro di lavoro automatizzato”.

A proposito di sostenibilità. È da tempo che avete adottato accorgimenti in tal senso…
“Siamo stati sempre molto sensibili al problema: già dieci anni fa installammo l’impianto fotovoltaico (potenziato in occasione dell’ampliamento dell’azienda) e quello geotermico”.

img_9595matteo_mezzalira__lowQual è stata l’iniziativa più originale che voi della generazione imprenditoriale più giovane avete apportato?
“Una spiccata sensibilità nei confronti della formazione del capitale umano. Abbiamo promosso l’avvio di corsi interni per allineare l’intero gruppo di lavoro a vision, mission e valori aziendali. Una strada intrapresa anche come gruppo direttivo, infatti seguiamo un percorso di coaching volto a gestire al meglio il passaggio generazionale e a rendere sempre più salda l’intesa fra le diverse anime dell’azienda”.

Formazione al centro della vostra filosofia aziendale, visto anche il suo ruolo e impegno in sede confindustriale…
“Sì, teniamo molto a questo tema. In particolare vogliamo contribuire a creare consapevolezza riguardo alle professioni del territorio e del Made in Italy in senso lato, e a valorizzare i giovani talenti. Perciò abbiamo aderito con slancio alle iniziative legate ai corsi di formazione professionale avviati quest’anno sul territorio. E a collaborare con ARSUTORIA school ospitando i ragazzi in azienda per spiegare loro come si costruisce un tacco e come si lavora in un tacchificio. Così come ci piace molto l’idea di poter realizzare i tacchi che i ragazzi di ARSUTORIA hanno disegnato in vista della sfilata di fine ottobre durante la Fashion Graduate Italia”.

seconda e terza generazione alla guida di TVC
Seconda e terza generazione alla guida di TVC
Tacchificio Villa Cortese https://www.tvcgroup.it

Prende vita nel 1961 ad opera dei fondatori Pietro Sigolo e Luigi Gazzardi il quale, grazie alla lunga esperienza maturata […]

Potrebbe interessarti anche

No related news to show at this time