Ramponi, etica e businessLeader nel settore accessori, l’azienda comasca è da sempre l’esempio di come etica e impresa possano fondersi in un connubio forte e solido. Un passo in più in tal senso è rappresentato dall’acquisizione dell’azienda Astarte, specializzata in accessori moda eco-sostenibili.

Mar 08, 2018

file-15-01-18-16-03-14_modNata nel 1988, Ramponi è oggi apprezzata in tutto il mondo per la produzione di borchie, strass e pietre in cristallo sintetico. Questi capolavori di artigianato totalmente Made in Italy sono il frutto di un costante lavoro di ricerca. Competenza e selezione caratterizzano l’ufficio stile e l’ufficio tecnico, capaci di garantire al cliente un servizio altamente personalizzato, che permette di toccare con mano il prodotto lungo il percorso di realizzazione: dall’idea iniziale fino al prototipo.
Un laboratorio interno, inoltre, garantisce lavorazioni e applicazioni ad alto standard qualitativo che potenziano la varietà di gamma e assicurano l’unicità della materia. A riguardo, ogni nuova creazione è tutelata da un idoneo titolo di proprietà industriale: un investimento che, da un lato, garantisce prestigio ed unicità e, dall’altro, tutela Ramponi rispetto pratiche scorrette sia in termini di concorrenza, sia in termini di politiche di prezzo che, diversamente, non terrebbero in considerazione tutto il lavoro di ricerca propedeutico alla realizzazione del prodotto.

Ramponi punta sempre all’eccellenza delle proprie collezioni, coniugando le necessarie esigenze di business con il rispetto dei principi di buon governo ai quali si è auto-vincolata attraverso l’adozione del Codice Etico e del Modello di organizzazione, gestione e controllo nell’ambito di un progetto di compliance per la prevenzione dei rischi, avviato già nel 2014.
Seguendo questa filosofia imprenditoriale, l’azienda è stata la prima, nel suo campo, a dotarsi di un Modello organizzativo conforme ai parametri della Corporate Social Responsibility come risultato della scelta di Alfredo Ramponi, fondatore ed amministratore, di andare oltre il semplice rispetto delle regole, arricchendo le scelte di gestione con considerazioni etiche, sociali e di tutela ambientale. Il conseguente Bilancio Sociale si pone come strumento per offrire spunti e dati derivanti dall’esperienza aziendale e riconduce a un concetto di impresa a soggetto economico che, pur perseguendo il proprio interesse prevalente, contribuisce a migliorare la qualità della vita dei membri della società in cui è inserito.

NANDO COSTA ZACCARELLI CON ALFREDO RAMPONI
NANDO COSTA ZACCARELLI CON ALFREDO RAMPONI

Alla tradizionale offerta Ramponi, oggi si aggiungono nuovi prodotti interamente assemblati a mano e 100% eco-sostenibili. La sinergia con questi articoli darà vita a nuove creazioni che verranno presentante in occasione delle prossime fiere.
Un nuovo programma di produzione, quindi, avviato in seguito all’acquisizione di Astarte s.r.l., fondata nel 1994 da Nando Costa Zaccarelli, il quale ha saputo farne un punto di riferimento per tutti coloro che sono alla ricerca di prodotti ed accessori realizzati con materiali naturali, certificati eco-compatibili e destinati a produzioni di alta qualità e pregio.
Per rendere pubbliche le scelte socialmente responsabili adottate, Ramponi punta a contribuire alla formazione di un tessuto culturale più sensibile ai temi di responsabilità sociale d’impresa, coinvolgendo anche attori esterni alla società:

All’interno dell’azienda ci si forma ogni anno sui temi della compliance e della total quality, mentre all’esterno lo sguardo si rivolge ai mercati, ai partner economici, ai fornitori, ai clienti e ai consumatori, studiando gli effetti che queste politiche aziendali hanno sul territorio, effettuando, quando serve, una selezione rigorosa.

azienda

Ramponi S.r.l. http://www.ramponisas.net/

Ramponi è uno dei più noti produttori italiani di pietre in cristallo sintetico e borchie in ABS. Il rispetto della […]

Potrebbe interessarti anche

No related news to show at this time