Si è chiuso il progetto “Shake the Future of the Footwear sector”Il Talent Shoe 2018: under 25 da tutta Europa premiati per la loro creatività. Così il settore calzaturiero raccoglie idee dalle giovani generazioni sulle scarpe e sulle fabbriche di calzature del futuro.

Giu 29, 2018
Posted in: , Associazioni , Eventi

Il progetto Europeo “Shake the Future of the Footwear sector” nasce dall’esigenza del settore di attrarre giovani qualificati da inserire in produzione per far fronte al ricambio generazionale in atto. In Italia si stima che nei prossimi 3 anni si libereranno 8.000 nuovi posti di lavoro e già oggi le aziende per trovare tecnici specializzati sono costrette a cercarli oltre confine.

Per Tommaso Cancellara, General Manager di Assocalzaturifici,

il settore, purtroppo, sembra essere poco attraente e il rischio è quello di creare un forte gap e mismatch tra domanda e offerta. Investire nell’orientamento e nella formazione tecnica e professionale può aiutare le nostre aziende a trovare giovani competenti che rappresentano una risorsa fondamentale per la manifattura Europea.

46-the-spanish-team-n1-special-social-awardIl 25 giugno si è svolta la sfida finale del concorso Europeo. Il format innovativo del talent show è riuscito a coinvolgere gli studenti e stimolare la progettualità delle 8 squadre di giovani tra i 16 e 25 anni (che studiano nelle scuole professionali del settore calzatura e moda di tutta Europa), riguardo le due categorie di ricerca: “Progetto di una calzatura innovativa e futuristica”, e l’ambizioso tema “La fabbrica di calzature del futuro”. 

I finalisti del concorso hanno convinto con i loro progetti una Giuria d’eccezione composta da Nicola Saldutti, caporedattore economia del Corriere della Sera, Giuseppe Zanotti affermato stilista italiano e Costantin Livàs della DG Grow della Commissione Europea e accolto il giudizio favorevole di un team di esperti, tra cui Tommaso Cancellara - General Manager di Assocalzaturifici, Carmen Ariàs - direttrice della Confederazione delle aziende Europee della Calzatura, Federico Brugnoli - CEO di Spin360 e Rita Souto - responsabile per la formazione del Centro di ricerca CTCP in Portogallo. 

39-the-winners-with-the-jury-and-experts

Sul primo gradino del podio della categoria della calzatura, il progetto di sneaker “3FLT” dell’Università della West Bohemia - Repubblica Ceca che propone un design con materiali attenti alla salute della persona e dove il consumatore finale può diventare parte attiva anche del processo di creazione. 

Per la categoria della “La fabbrica di calzature del futuro” la competizione tra i due progetti in finale è stata accesa e i giovanissimi hanno dimostrato molta determinazione nel presentare alla Giuria le proprie idee. Il podio è andato all’ISIS Bernocchi di Legnano con il progetto “Bernox. La classe che ti ispira”.

Il concorso ha rappresentato la fase conclusiva del progetto finanziato dalla Commissione Europea con partner Assocalzaturifici, la Confederazione Europea della Calzatura (European Confederation of the Footwear Sector - CEC) e Industriall Europe l’Associazione Europea dei lavoratori, con eventi organizzati in 4 Paesi Europei: Italia, Spagna, Portogallo e Polonia.

AssoCalzaturifici http://www.assocalzaturifici.it/

Assocalzaturifici is the association that represents Italian footwear manufacturers companies. The Association currently encompasses more than 600 footwear companies located […]

Potrebbe interessarti anche
Il Brasile e il suo referendum sulla sostenibilità nel settore conciario

Il Brasile e il suo referendum sulla sostenibilità nel settore conciario

Una visione di lungo termine incentrata su efficienza, qualità e garanzie per i consumatori e la società nel complesso, ha condotto all’istituzione della Certificazione di Sostenibilità della Pelle Brasiliana (CSCB).

“La sostenibilità è per noi un modo di lavorare”

“La sostenibilità è per noi un modo di lavorare”

L’anno passato si è chiuso con numeri positivi per i conciatori italiani ma il contesto mondiale è ancora debole e instabile. Il presidente Gianni Russo ricorda che il settore investe ogni anno il 4% del proprio fatturato in progetti sostenibili: un impegno oneroso di cui essere orgogliosi ma che va comunicato meglio.

Assemblea UNIC 2018 “La sostenibilità è per noi un modo di lavorare”

Assemblea UNIC 2018 “La sostenibilità è per noi un modo di lavorare”

L’anno passato si è chiuso con numeri positivi per i conciatori italiani ma il contesto mondiale è ancora debole e instabile. Il presidente Gianni Russo ricorda che il settore investe ogni anno il 4% del proprio fatturato in progetti sostenibili: un impegno oneroso di cui essere orgogliosi ma che va comunicato meglio.