“The Factory of the future” di Desma è stata completata, in appena un anno – la posa della prima pietra è stata lo scorso giugno 2019 – e nel pieno rispetto del budget. L'inaugurazione ufficiale, cancellata a causa della pandemia del Covid-19, è stata posticipata al 2021 per poter celebrare con un grande evento sia la nuova sede, che i 75 anni di attività dell'azienda.

L'investimento nel nuovo sito permetterà a Desma, leader mondiale nella produzione di impianti e macchinati per la produzione industriale di calzature, di rafforzare la sua posizione nel contesto altamente competitivo del mercato globale: “Abbiamo ottimizzato i nostri processi produttivi e la logistica per rafforzare la nostra posizione sul mercato – affermano infatti gli amministratori delegati Klaus Freese e Christian Ddecker - Dall'assunzione delle singole parti, allo stoccaggio, al trattamento delle superfici, alla lavorazione e all'assemblaggio finale fino alla consegna delle macchine finite, ora abbiamo riunito i nostri processi principali sotto lo stesso tetto”.

La Fabbrica del Futuro, sita a Desmastrasse 1, si spalma su 12mila metri quadrati, con tre piattaforme e un edificio a tre piani per gli uffici che occupano 4.500 metri quadrati. Una concentrazione che permette una maggiore efficienza rispetto al vecchio sito e di organizzare la produzione in base ai moderni flussi di lavoro. Nel progetto è stata tenuta conto sia l'esigenza di creare un ambiente di lavoro piacevole per i dipendenti e efficiente, sia di essere in grado di far fronte alla crescita crescita di Desma.

A tempo di record, per la fine di luglio è prevista la piena operatività, sia dei reparti produttivi che di quelli commerciali.

Accanto alla Fabbrica del Futuro, il parco tecnologico di Desma resterà al precedente indirizzo, in Desmastrasse 3/5, anche sede del ramo dell'Università Leibniz Hannover.

Christian Decker e Klaus Freese