La decisione è stata presa dopo un lungo confronto con le associazioni del settore della pelle e gli espositori che hanno contribuito al successo di APLF nel corso degli anni, tenuto conto delle restrizioni legate al contenimento del Covid cui sono soggetti i viaggi in entrata a Hong Kong e soprattutto con l’obiettivo di portare avanti la mission di APLF di ‘essere al servizio dell’industria globale del settore pelle e moda’.

È nato così il progetto di APLF Dubai, città che si presenta come  il luogo ideale per lo svolgimento della manifestazione: dallo scoppio della pandemia, infatti, le autorità di Dubai hanno agito rapidamente per contenere la minaccia di diffusione del virus, sia nei confronti dei residenti, sia dei visitatori, fornendo al contempo un supporto economico vitale a tutte le parti interessate del settore turistico. Dubai ha riaperto la città al turismo nazionale già nel maggio 2020 e poi anche ai visitatori internazionali nel luglio 2020. Senza contare che gli Emirati Arabi Uniti sono il paese più vaccinato del mondo, con il 98,1% della popolazione già vaccinata.

Bisogna poi considerare la posizione di Dubai tra l'Europa e l'Asia, che la rende anche il luogo ideale per favorire l’arrivo ad APLF di espositori e acquirenti proviene da circa 80 paesi in tutto il mondo. Allo stesso tempo, sono presenti ottimi collegamenti aerei internazionali da e per l'Europa, il Medio Oriente, l'Africa, l'Asia e voli diretti dagli Stati Uniti e dal Sud America.

Quest'anno, inoltre, Dubai è al centro dell’attenzione globale, grazie allo svolgimento di Expo 2020 Dubai,  iniziato il 1 ottobre 2021 e che terminerà il 31 marzo 2022: un evento che riunisce  e coinvolge 191 nazioni, dando vita al più grande appuntamento di così ampio respiro mai organizzato in Medio Oriente e nel Nord Africa.

Dubai è poi un luogo stimolante sotto il profilo culturale, per le sue mostre e architetture uniche al mondo, e senza dubbio APLF non potrà che beneficiare dell’afflusso  di visitatori e delle opportunità turistiche offerti dalla città.

L'edizione speciale di APLF offrirà, quindi, una grande opportunità per le aziende di incontrare nuovi visitatori, la cui composizione potrebbe essere diversa da quella tradizionalmente presente a Hong Kong, e senza dubbio Dubai, in qualità di hub commerciale internazionale di importanza mondiale e sede dell'Expo 2020, sarà in grado di garantire un’edizione di successo della fiera internazionale della pelletteria e degli accessori moda.

"Questa edizione speciale di APLF a Dubai sarà l'occasione d’incontro più importante per gli stakeholder, fornitori e acquirenti internazionali del settore della pelle dalla nostra ultima edizione nel 2019", ha affermato Frank Boehly, Direttore di APLF e Presidente di Société Internationale du Cuir (SIC Group). “Il settore ha bisogno di APLF quale piattaforma annuale di incontro e confronto, e la decisione di trasferire le fiere da Hong Kong a Dubai mostra la nostra determinazione a continuare a servire al meglio l’industria globali della pelle. Sono sicuro che con il supporto di tutti, sia i nostri espositori che i buyer avranno la stessa, se non maggiore soddisfazione che hanno sperimentato in passato a Hong Kong”.