Una full immersion di due giorni, il 3 giugno e il 1° luglio, con sessanta sessioni di discussioni che hanno visto confrontarsi 100 top speakers e rappresentati dell'industria dello sport e dell'outdoor, per parlare di future opportunità, nuovi approcci e fattori di motivazione nel processo. E' stato l'intenso programma di ISPO Re.Start Days, la live digital conference promossa da ISPO – la piattaforma dedicata all’industria dello sport di Momaco – che ha ospitato sul fronte dei relatori il premio Nobel per la pace Muhamad Yunus, la due volte medaglia d'oro in track cycling Kristina Vogel e aziende del calibro di Adidas, Adobe, Bluesign, Columbia Sportswear, Daimler Mobility, Deuter, Ebay, Intersport, Jack Wolfskin, Mammut, Oberalp Group, Saalfelden/Leogang, Schöffel, Sport 2000 and Sympatex che hanno condiviso le proprie esperienze degli ultimi mesi, hanno parlato di nuove fonti di energia e motivazione, e offerto la loro visione sul futuro del settore. Segno tangibile del successo dell'iniziativa è stata la grande partecipazione, con registrazioni all'evento da 50 diversi paesi.

La parte centrale della discussione di ISPO Re.Start Days ha riguardato l'impatto della pandemia del Coronavirus sui megatrends della digitalizzazione, sostenibilità e salute. In particolare, si è discusso di come lo sport abbia rappresentato un fattore di resilienza per le persone che hanno affrontato il periodo di lockdown e nel superamento della crisi, di come il Coronavirus abbia accelerato la digitalizzazione dei processi e cambiato il modo di interfacciarsi, per esempio, con i partner delle vendite nel mondo, ma anche di come la sostenibilità è diventata ora più che mai il fattore chiave per il business del futuro delle aziende.

Finito il summit, ora Ispo attende l'appuntamento dal 31 gennaio al 3 febbraio 2021 per rinnovare l'incontro fisico con la sua comunità.