La sostenibilità ambientale eÌ insita nella storia della Bartoli S.p.A. da molto prima che il tema diventasse centrale per lo sviluppo delle moderne economie.
I principi del riciclo e del riuso sono da decenni implementati nel ciclo produttivo della Bartoli S.p.A. grazie all’esperienza nella lavorazione delle fibre di materia prima seconda derivante da oltre un secolo di attività della cartiera.
Nel corso degli anni gli investimenti in nuove tecnologie sono andati di pari passo con le certificazioni ottenute, ritenute strategiche, per dare consistenza alle proprie dichiarazioni ambientali, evitando oltretutto il rischio green-washing.
Nel 2021, la Bartoli S.p.A. ha effettuato uno studio LCA (Life Cycle Assesment), in collaborazione con la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, valutando e misurando le performances tecniche, ma anche ambientali, delle materie prime utilizzate, del processo produttivo e, infine, del prodotto finito immesso sul mercato con il relativo “fine vita”.
I materiali Bartoli S.p.A. sono prodotti utilizzando prevalentemente materia prima riciclata attraverso filiere selezionate o utilizzando anche fibra vergine proveniente da foreste gestite in modo responsabile in base agli standard FSC®. I prodotti sono certificati o FSC® Recycled o FSC® Mix.
Tutti i cartoni fibrati sono, inoltre, certificati da Aticelca (associazione che riunisce tecnici ed esperti dell’industria cartaria) con il livello di riciclabilità “A” nella carta. Ciò significa che, a fine vita, i fibrati Bartoli possono essere riciclati e divenire nuova carta non generando alcun rifiuto. La stessa Bartoli S.p.A. ha, da anni, avviato un nuovo impianto per massimizzare il servizio di recupero degli scarti di filiera del cartone per poterli riutilizzare nel proprio processo produttivo ed evitare qualsiasi spreco.
Sono numerosi, poi, gli investimenti nelle più moderne tecnologie di produzione energetica per provare a limitare i crescenti incrementi dei costi energetici e ridurre contestualmente le emissioni di gas climalteranti. Recentemente, sono stati installati ulteriori 105 KW di pannelli fotovoltaici.
Anche il ciclo delle acque, dotato di un proprio impianto di trattamento, eÌ controllato e progettato per riutilizzare e, quindi, ridurre in modo significativo i consumi di acqua per Kg carta prodotta.
Dal 2019 la Bartoli S.p.A. ha poi avviato una partnership con Treedom®, una piattaforma che permette di piantare alberi a distanza e seguirne la crescita, assorbire CO2 e immettere ossigeno pulito nell’atmosfera.
L’azienda, certificata ISO 14001:2015 si pone costantemente obiettivi di miglioramento delle proprie performances e anche attraverso la strategica area di ricerca e sviluppo realizza la propria missione: Fare Eco-innovazione.